REPORT: Autostrade aveva già previsto la demolizione del ponte Morandi

AUTOSTRADE RISPONDE: I progetti di demolizione sviluppati a partire dal 2001 non hanno nulla a che fare con la sicurezza del ponte Morandi. Aspi ha studiato varie opzioni di potenziamento del tratto autostradale di Genova. Una di queste prevedeva l’affiancamento di un nuovo ponte a 4 + 4 corsie a servizio sia del Polcevera che della nuova Gronda. Una volta costruito il nuovo ponte sarebbe stato smontato l’attuale. Questa proposta fu accantonata nel corso del dibattito pubblico.

REPORT: Il CDM si riunisce il 15 agosto a Genova. Il grande assente è Autostrade.

AUTOSTRADE RISPONDE:
FALSO. Autostrade per l’Italia, a partire dal suo Amministratore Delegato, era presente a Genova ininterrottamente dalle ore 17 del 14 agosto. La società si è attivata sin da subito dopo il crollo per dare il massimo supporto alle autorità pubbliche e ai soccorritori per far fronte all’emergenza. Autostrade ha messo a disposizione uomini e mezzi che hanno lavorato in continuo coordinamento con la Protezione Civile e le istituzioni locali.